Logo Intour Project
giovedì 30 maggio 2024

Come aprire un vblog

il video blogging sfrutta i contenuti multimediali attraverso il social web

Come aprire un vblog

Lavorare con il video blogging è la soluzione ideale per chi ama sfruttare i contenuti multimediali attraverso il social web. Spesso il lavoro di content marketing viene sovrapposto  alla pura e semplice attività di blogging, alla scrittura degli articoli.
Bene, fare blogging è importante. Ma questa è solo una parte della tua attività di content marketing: puoi sfruttare diversi codici, puoi sfruttare anche i video per promuovere il tuo brand. E puoi pensare ad un appuntamento ben definito nel tempo per fidelizzare il pubblico.
Ecco, questo è il video blogging: trasformare la pubblicazione di contenuti video in appuntamenti fissi.

Iniziare un'avventura in questo settore può apparire facile, visto che potrebbe bastare sostituire gli scritti con relativi video e pubblicarli sulle numerose piattaforme che permettono di ospitare i contenuti, da Youtube a Facebook a Vimeo.
In realtà non è esattamente così, e non è per nulla facile ottenere risultati senza un'adeguata preparazione e dotazione di strumenti. 

Prima di iniziare un'attività di video blogging, in una chiave mediamente seria, è bene tenere in chiaro diversi aspetti e i principali ritengo siano i seguenti. 

1 - Dotazione di strumenti

Prima di iniziare la tua attività di video blogging devi procurarti una strumentazione degna di questo nome. Credi che sia possibile risolvere tutto con uno smartphone? Certo, in qualche situazione possono essere sufficienti. Ma la verità invece è che senza una buona base di competenze e strumenti il rischio di rimanere nella mediocrità è elevatissimo.

Cosa serve? Devi avere una telecamera capace di catturare le immagini nel miglior modo possibile, devi avere un microfono di qualità e magari anche delle luci. In qualche caso può fare comodo uno sfondo neutro poi comunque tutto deve passare attraverso programmi di video editing. Su questo punto non puoi improvvisare.

2 - Mercato di nicchia

Il tuo Vlog è pronto? Aspetta, devi farti un paio di domande: “Quello che sto facendo è indispensabile? C’è già qualcuno che pubblica i miei contenuti? Come li pubblica? Come posso essere unico?”. Creare dei video per la tua attività di vlogger vuol dire investire tempo e risorse.
Tempo e risorse che hanno un costo. Devi dare alla tua nicchia una prospettiva differente. Ricorda che ci sono mille modi differenti per dare una nuova lettura anche ai temi già affrontati, e i video sono perfetti per rielaborare tutto ciò che è già stato detto. Prima di iniziare puoi dare uno sguardo anche alle ricerche che fanno gli utenti, e se vuoi sfruttare la piattaforma Youtube puoi trovare in Keywordtool uno strumento molto utile (vedi link a fondo pagina).
Questo lavoro è utile non solo per scegliere gli argomenti da affrontare, ma anche per creare titoli efficaci e per scegliere i tag utili (su Youtube, ad esempio, questo lavoro è indispensabile).

3 - Progetto grafico

Per pubblicare i video devi ottimizzare e allineare anche il progetto grafico, le linee e i colori che accompagneranno il tuo canale. Senza dimenticare i dettagli dei tuoi contenuti. Ad esempio puoi creare una grafica Youtube con gli stessi colori del brand, e può essere utile avere un account Canva che ti permette di giocare con la creatività. 
Puoi anche inserire nel video post con miniatura allineata al progetto grafico. In questo caso puoi lavorare con strumenti come Photoshop, ma anche con tool più semplici e intuitivi come Canva e Picmonkey. Ricorda che le miniature sono fondamentali per il successo di un video perché attirano lo sguardo del pubblico. Quindi i click.

4 - L'importanza della sigla

Abitudine comune tra i vlogger è utilizzare una sigla per abituare il pubblico a un determinato formato, per rendere subito riconoscibile un determinato prodotto. Spesso i vlogger lanciano degli input all’utente per convincerlo a rimanere sul video e poi lanciano la sigla. Il tuo compito è questo: scegli una musica priva da copyright da utilizzare all’inizio e/o alla fine del video. Per avere informazioni utili puoi seguire il video di Anna Covone (vedi link a fine pagina)

5. La forza delle community

Un buon consiglio da seguire prima di iniziare la tua attività di vlogger: fatti conoscere nella community che ti interessa. Difficile far breccia quando nessuno ti conosce, ma se il tuo nome è già un riferimento per le persone che vuoi raggiungere è più facile far conoscere i tuoi contenuti video. Devi lavorare sul campo, devi puntare sul comment marketing e devi farti conoscere pubblicando dei contenuti di qualità nei canali dei tuoi colleghi prima ancora di creare dei video in prima persona. 
Non è facile iniziare un percorso di video blogging. Prima devi preparare il terreno, devi creare una base sostanziosa per avere poi risultati concreti.
Devi anche capire cosa vogliono le persone e creare qualcosa di speciale. Qualcosa di unico.
Magari creando un nuovo filone, prendendo spunto dai tuoi concorrenti ma, possibilmente, senza copiare.

©IntourProject

vedi questo video di Sistiana, vblogara nota sul web

©Intour Project - sant'Antonio di Gallura (OT) p.iva 02429980903 c.f. RCCBTS68D43B354H - Tutti i diritti sono riservati
powered by Infonet Srl Piacenza